Comune di Atzara

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

|Vai alla Cartina interattiva|

Antonio Amore. Antologia. Vernissage il 28 luglio alle ore 18.30 nel Museo Ortiz

Home > Community > Notizie > Antonio Amore. Antologia. Vernissage il 28 luglio alle ore 18.30 nel Museo Ortiz

Antonio Amore. Antologia. Vernissage il 28 luglio alle ore 18.30 nel Museo Ortiz

Antonio Amore

Antologica

 

a cura di Flaminia Fanari

 

 

Inaugurazione: 28 luglio 2017 ore 18.30

Apertura al pubblico: 28 luglio – 30 novembre 2017

 

Museo d’Arte Moderna e Contemporanea “Antonio Ortiz Echagüe”

Piazza Ortiz Echague, 2 – Atzara (NU)

 

 

Dal 28 luglio al 30 novembre 2017, il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea “Antonio Ortiz Echagüe di Atzara, ospita una mostra antologica di Antonio Amore, intitolata “Antologica” a cura di Flaminia Fanari. Fortemente voluta dall’Amministrazione Comunale di Atzara e organizzata da Progetto Cultura S.C., la mostra si inserisce nell'ambito di “Terre del vino e del gusto” una serie di eventi di promozione turistica regionale a carattere eno-gastronomico e culturale.

 

LA MOSTRA

 

Il percorso espositivo presenta oltre 50 opere tra disegni, dipinti e sculture che ricostruiscono le vicende artistiche del pittore nato Catania nel 1918. La mostra nasce dalla volontà di approfondire il percorso creativo e umano di un artista che, pur non essendo entrato in contatto con la “scuola artistica” locale, si è legato profondamente al territorio. L'esposizione propone una selezione ragionata e rappresentativa dell’Opera dell’artista attraverso delle scelte tematiche e tecniche che rendono merito al valore della sua ricerca e alla sua profonda umanità. La vicinanza di Antonio Amore al mondo degli umili rappresenta il punto di partenza per l’analisi di una società sconvolta dal vento tragico della guerra che ha confuso l’ordine naturale dei valori fondamentali della vita. Dando volto e anima al gregge umano, che è rimasto senza guida e protezione al tramonto della civiltà naturale, Amore denuncia non solo i soprusi di una classe dirigente superba e disumana ma anche la vacuità e l’ingordigia di una società moderna e conformista che andrà incontro alla propria distruzione se non troverà la via di un riscatto morale. l’esposizione è impreziosita dal catalogo della mostra, con i testi critici di Flaminia Fanari.

 

NOTE BIOGRAFICHE

 

Antonio Amore nasce a Catania nel 1918. Fin da giovane l’artista vaga con il padre per la Sicilia a decorare chiese e ambienti, fino a quando nel 1938 lascia la sua terra di origine per prendere parte, alla campagna militare in Africa. In prigionia, attorno agli anni ’40, l’artista conosce il pittore romano Cesare Stiavelli con il quale inizia una proficua collaborazione artistica incentrata sulla tecnica dell’acquerello. Nel 1946 Amore rientra in Italia dove a Roma conosce Giacomo Balla.

 

Nel 1950, l’artista torna in Sicilia per un breve soggiorno a Centuripe, un paesino siciliano noto per le miniere di zolfo, dove scende a ottocento metri di profondità assieme ai minatori per ritrarli nei momenti di riposo. Agli inizi degli anni ’50, durante i suoi viaggi tra Roma e la sua terra d’origine, l’artista si dedica al tema dei “Carrettieri Siciliani” (1951-1960). Nel 1955 Amore espone in una personale alla Galleria del Vantaggio della Capitale, i suoi disegni e suoi schizzi. Nello stesso periodo l’artista lavora alla serie delle “Capre Omeriche” (1955-1960) e alla tela “Dolore” che sarà terminata nel 1960, per essere poi ripresa nel “Periodo Sardo” con alcune modifiche strutturali alla composizione.

 

Nel 1964 dopo una fortunata personale, intitolata “Ecce Homo” alla Galleria Anthea di Roma, Antonio Amore decide di trasferirsi in Sardegna spinto sull'Isola dalle suggestioni del libro di viaggio “Mare e Sardegna” dello scrittore inglese D.H. Lawrence e tirandosi dunque fuori dal mondo istituzionalizzato dell’arte. Giunto nell’isola l’artista prende dimora nella casa cantoniera di S’Isteddu, sui monti del Mandrolisai, dove inizia la ricerca di un espressione sarda nella sua pittura.

 

Nel 1971 si svolge la prima personale di Antonio Amore in Sardegna all’Associazione Amici del Libro di Cagliari. In mostra tutte le opere realizzate finora sul mondo pastorale sardo, compresi gli studi preparatori di “Opposizione Antropomorfica” e il ciclo de “Le Cadute” (1967-1971). Attorno alla fine deglianni sessanta l’artista forma insieme a Luigi Taras e Aurelio Mereu il “Gruppo di Santulussurgiu” che si presenta nel 1975 a critica e pubblico con i suoi lavori di ricerca pittorica comune. Con la fine degli anni settanta, ma sopratutto dopo la nascita della tela “Tramonto” si conclude il periodo artistico di Amore ispirato più schiettamente alla “tradizione pastorale”. Nel marzo del 1982, infatti, nella seconda personale a Cagliari presso la galleria La Bacheca, accanto alle opere della “rinascita in Sardegna”, trovano spazio nel percorso espositivo, quelle legate ai fatti di cronaca del periodo, come ad esempio “Non vi voglio ai miei funerali”(1981) ispirata all’oscura vicenda del rapimento di Aldo Moro.

 

Nella prima metà degli anni ’80 Antonio Amore si dedica ai Trittici, una serie di sette composizioni che mettono in tragica contrapposizione i Cristi degli anni romani con le pecore ormai palesemente antropomorfizzate. Dal 1982 l’artista lavora, infatti, al motivo pecora ironico-dissacrante. Nel 1987 nasce poi il sodalizio artistico con Lello Porru, artista di Sanluri, da cui si originano opere in terracotta come “Bustianu”, le “Pecore Trafitte”, due “Crocifissioni” e alcuni bassorilievi. Tutte le opere realizzate nello studio di Porru, verranno fuse successivamente in bronzo a Verona nel 1992. Chiudono la fase di collaborazione con l’artista di Sanluri, le opere datate 1993 “Comment’e Paolina”, “L’Uomo Membra” e il “Bouquet” di pecore che si autodivorano, emblemi di egoismo e voracità mandibolare.

 

L’ultima fase creativa dell’artista, quella che va dal 1995 agli anni 2000, è caratterizzata da una ripresa del tema “Ecce Homo”. Infine, con la presa di possesso dello strumento fotografico, Amore apre un ultimo affascinante scenario: partendo, infatti, dalle opere prodotte, l’artista comincia ad assemblare le immagini e i diversi oggetti che hanno caratterizzato una vita impregnata d’Arte in continua evoluzione.

 

INFO PUBBLICO

Museo d’Arte Moderna e Contemporanea “Antonio Ortiz Echagüe”

Piazza Ortiz Echagüe, 2 – Atzara (NU)

Orario: 10:00/13:00 - 15:30 /18:30

Chiuso il lunedì

 

INGRESSO

Biglietto Museo d’Arte Moderna e Contemporanea “Antonio Ortiz Echagüe”

Tariffa intera: € 3,00

Tariffa ridotta:€ 1,50

 

INFO: 0784 65508 – 347 798 3242

http://www.comune.atzara.nu.it/www/Sinistra/ScopriAtzara/Atzara_Cultura/Il_museo/

https://www.facebook.com/museoantoniortizechagueatzara/

 
Copyright @ Comune di Atzara - Tutti i diritti riservati - P.I. 00162890917    |  Home | Contatti | Mappa del sito | Credits | Note legali | ConsulMedia 2007